I nostri archivi, un ponte tra passato e futuro.

Angelo Ramunni

Tipologia Fondo
Data cronica anni 1940 - 2006

Tipologia

Fondo

Strumenti di ricerca

Inventario a cura di Angela Montemurro (2007). Lo strumento è stato realizzato nell'ambito del progetto Archivi storico-politici in rete, finanziato dalla Regione Puglia (D.D. n. 156 del 25.11.2005), sulla base di un accordo quadro con il Ministero per i beni e le attività culturali, sotto la direzione scientifica della Soprintendenza archivistica della Puglia.

Contenuto

L'archivio raccoglie il carteggio relativo alla storia dell'antifascismo e dei suoi protagonisti pugliesi e la corrispondenza, anche privata, con i militanti nel movimento liberalsocialista prima e nel Partito socialista italiano poi, tra cui Tommaso e Vittore Fiore, Giuseppe Patrono, Domenico Loizzi, Nicola Pastina, Vito Scarongella, Francesco De Martino, Giuseppe Laterza, Inigo De Maria. Segnaliamo due quaderni di appunti ed esercizi di scrittura di Ramunni (1991-2005), la biografia dello stesso a cura della moglie Tecla Dell'Olio Ramunni (giugno 2006) e i seguenti materiali a stampa: «L'Italia del popolo Azione meridionale», settimanale del Partito d'azione Giustizia e libertà, di cui Angelo Ramunni era direttore capo, anno 1946, nn. 27 luglio, 1 agosto, 25 agosto, 15 settembre, 20 ottobre, 22 dicembre; anno 1947, nn. 9 febbraio, 16 febbraio, 2 marzo, 23 marzo, 4 maggio, 18 maggio, 25 maggio, 1 giugno, 29 giugno. Il primo congresso dei comitati di liberazione nazionale Bari 28/29 gennaio 1944, Istituto provinciale Apicella, Molfetta 1964. L'Amtab a Bari dal 1965 al 1969, Bari 1969 ( all'interno del volume si rinviene un ritaglio dell'articolo dalla «Gazzetta del Mezzogiorno», 1 ottobre 1968, su un provvedimento ideato da Ramunni, vice presidente dell'Amtab). Vittore Fiore, L'Ente di irrigazione (da Serpieri a T. Fiore, A. Calace), estratto dal volume 1947/1958 l'Italia negli anni del centrismo, Edizioni Acropoli s.r.l. (donato a Ramunni dall'autore). Giulio Butticci, Incontri con Croce, Quaderni di Rivista abruzzese, 5, Lanciano 1976 (donato a Ramunni dall'autore). Il Sottano, a cura di Inigo De Maria, Grafiche Favia, s.d.. 5 opuscoli di Francesco M. de Robertis (1950; 1991; 1997; 1998; 1999) inviati dall'autore a Ramunni.

Consistenza rilevata

Consistenza (testo libero)
fascc. 11.

Storia istituzionale/Biografia

Angelo Ramunni, nato a Conversano il 30 giugno 1922, è stato allievo di Tommaso Fiore al Liceo classico di Molfetta. Laureatosi in Giurisprudenza con Francesco De Martino, da giovane aderì al movimento liberalsocialista che si costituì a Bari nel 1941 attorno a Fiore. Nel giugno 1943 fu arrestato assieme a Fiore, Michele Cifarelli, Giuseppe Laterza, Franco Cagnetta e altri cospiratori nell'operazione contro gli intellettuali antifascisti. Scarcerato in agosto, partecipò ad azioni di sabotaggio antitedesco nelle Marche dove rimase fino alla liberazione nel giugno 1944, quando resse per un mese il Comune di Monteprandone.
Iscritto dall'ottobre 1942 al Partito d'azione, vi svolse attività a livello provinciale e fu redattore capo del settimanale «Azione meridionale» e collaboratore de «L'Italia del popolo». Nel 1947, all'atto dello scioglimento del Partito, aderì al Partito socialista italiano. Durante la sua militanza politica è stato vicino a Vincenzo Calace, Giuseppe Papalia, Nicola Pastina, Domenico Loizzi, Michele e Raffaele Cifarelli, Vito Scarongella, Ernesto De Martino, Inigo De Maria.
Negli anni '60 è stato vicepresidente dell'Azienda municipalizzata trasporti autofiloviaria di Bari (AMTAB). Ha partecipato alle numerose iniziative civili e culturali dell'Istituto pugliese per la storia dell'antifascismo e dell'Italia contemporanea, di cui era stato uno dei fondatori.
È morto a Bari il 13 gennaio 2005.

Storia archivistica

Dopo la morte di Ramunni, l'archivio è stato conservato e ordinato dalla moglie.

Modalità di acquisizione

Donazione alla Fondazione Giuseppe Di Vagno (1889-1921) di Conversano della moglie di Ramunni, Tecla Dell'Olio, nel 2006.

Criteri di ordinamento

Le unità archivistiche, rinvenute già organizzate in fascicoli, sono state riordinate cronologicamente. cavolo

Consultabilità

A richiesta, nei limiti di quanto disposto dal Codice per i beni culturali e del paesaggio agli artt. 122-127 e dalla normativa vigente in materia di protezione dei dati personali e di tutela della privacy.

Persona

Ente

Bibliografia/Fonte